SEGUICI SU

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Categorie: Attorno a noi | Primo Piano | SDAF04 - ZOOTECNICA GENERALE, SPECIALE, ZOOCOLTURA E MIGLIORAMENTO GENETICO | SDAF05 - ALIMENTAZIONE ANIMALE ED INDUSTRIA MANGIMISTICA |

L’agricoltura davanti alla sfida delle emissioni

Nel 2019 il settore agricolo ha rappresentato la principale fonte emissiva di metano e protossido di azoto contribuendo, rispettivamente, per il 44.2% e il 58.7% ai livelli nazionali delle emissioni.

di Manuel Bertin

Nel 2019, le emissioni di gas serra prodotte sul suolo nazionale sono diminuite del 19% rispetto al 1990, passando da 519 a 418 milioni di tonnellate di CO2 equivalente e del 2,4% rispetto al 2018.
Si tratta di un dato complessivo, le cui cause sono per la metà riferibili ai settori della produzione di energia e dei trasporti.
L’agricoltura però, seppure in misura minore, con il 7,1% di contributo di gas climalteranti, resta un ambito da monitorare e in cui è possibile operare per migliorare la situazione.

CH4
Le emissioni di metano rappresentano il 10.3% del totale dei gas serra prodotti nel 2019 nel nostro paese (43.0 MtinCO2eq.), dato in diminuzione del 12.9% rispetto al 1990
Questa fonte è principalmente dovuta all’agricoltura (44.2%), causata dalla fermentazione enterica (69.8%) e dal trattamento delle deiezioni (21.8%)
Rispetto al 1990, si registra una diminuzione del14.7%, in agricoltura dovuta alla diminuzione del numero dei capi e al recupero del biogas a fini energetici

F-gas
Si tratta del 4.4% del totale dei gas serra, ma con un trend in forte crescita.
Gli HFCs passano, infatti, da 0.4 a 16.8Mt di CO2 eq.
Le principali fonti di emissione sono il consumo di HFC-134a,HFC-125,HFC-32 e HFC-143a nei sistemi di refrigerazione e condizionamento e l’uso di HFC-134a nei prodotti aerosol farmaceutici. Sono impiegati anche in sostituzione delle sostanze ozonolesive e per l’incremento dell’uso dei condizionatori nelle autovetture.

N2O
Rappresentano il 4.1% del totale dei gas serra. Nel 2019 sono state emesse 17.2 Mt in CO2eq. Dato in diminuzione del 33.9% rispetto al 1990.
Queste emissioni sono principalmente derivanti dall’agricoltura (58.7%) per l’uso dei fertilizzanti. La diminuzione del21.8% rispetto al 1990 è ascrivibile alla diminuzione del numero di capi

NH3
Il settore agricolo è responsabile della maggior parte delle emissioni di NH3 e le emissioni agricole totali nazionali di NH3 provengono sostanzialmente dalla gestione del letame (56,4%), dei terreni agricoli incluso l’uso di pesticidi (37,7%) e dalla combustione dei rifiuti agricoli (0,2%).
Si conferma il trend in diminuzione delle emissioni di NH3 (meno 25,5% dal 1990 al 2019) dovuta alla riduzione del numero di animali, alla diffusione delle migliori pratiche ambientali nella gestione del letame in relazione ai sistemi di stabulazione, stoccaggio e spandimento, alla diminuzione della superficie coltivata/produzione agricola e all’uso di fertilizzanti N.

Il contributo per fonte delle emissioni di NH3 dell’agricoltura per il 1990 e il 2019 è mostrata nella figura 6.1

Le prime stime per il 2020
Sulla base dei dati disponibili per il 2020, a causa delle restrizioni alla mobilità dovute al COVID-19 su tutto il territorio nazionale, ci si attende una consistente riduzione delle emissioni di gas serra a livello nazionale, previste inferiori del 9,8% rispetto al 2019 a fronte di una riduzione prevista del PIL pari all’8.9%.L’andamento stimato è dovuto alla riduzione delle emissioni per la produzione di energia elettrica (-12,6%),per la minore domanda di energia, e dalla riduzione dei consumi energetici anche negli altri settori, industria(-9,9%), trasporti (-16,8%) a causa della riduzione del traffico privato in ambito urbano, e riscaldamento (-5,8%) per la chiusura parziale o totale degli edifici pubblici e delle attività commerciali.

I dati sullo stato emissivo nazionale sono raccolti nei report National Inventory Report 2021 e Informative Inventory report 2021. I due rapporti presentano il quadro globale e di dettaglio della situazione italiana sull’andamento dei gas serra dal 1990 al 2019 accompagnati da un focus sulle emissioni provenienti dai trasporti su strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *