SEGUICI SU

Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Categorie: Meccanica Agraria | Oltreconfine | Primo Piano | SDAF02 - AGRONOMIA, ARBORICOLTURA GENERALE, COLTIVAZIONI ARBOREE ED ERBACEE | SDAF18 - MECCANICA AGRARIA |

AgrIsrael 4.0: sbirciando al futuro dell’agricoltura

L’interesse per Israele e le novità che propone in campo agricolo e forestale, nascono dall’approccio imprenditoriale all’innovazione tecnologicache permea l'azione di questo Paese.

Carmela Pecora, Consigliere nazionale coordinatore della missione AgrIsrael 4.0 e referente del dipartimento Trasferimento dell’Innovazione e Ricerca Professionale

Dal 24 al 27 giugno 2019, i Dottori Agronomi e Dottori Forestali italiani hanno partecipato alla manifestazione AgrIsrael 4.0 con una delegazione composta da rappresentanti delle loro strutture ordinistiche.
Con base operativa a Tel Aviv e visite sul territorio, i delegati hanno approfondito le innovazioni che circa 15 società, fra start-up e aziende leader a livello mondiale, stanno sviluppando in Israele.

L’interesse per questo Paese – e per le novità che propone – nasce dall’approccio imprenditoriale all’innovazione tecnologica: tra il 2014 e il 2018 in Israele sono stati investiti nelle startup circa 800 milioni di dollari, il che pone questa nazione al 20° posto (Italia 31°) nel Global Competitiveness Index 4.0 2018 Ranking.
Naturalmente, anche qui solo una minima parte le start-up raggiunge la maturità d’impresa, ma il fallimento imprenditoriale è accettato al massimo grado (WEF-Report sulla Competitività Globale 2018) e diventa esperienza per non ripetere gli stessi errori.


Tra politica e innovazione

Tra i risultati politici della delegazione si annoverano i contatti con i Ministeri israeliani competenti (Agricoltura, Innovazione, Industria), con cui si sono svolti utili approfondimenti sia a livello di gruppo, con dimostrazioni dei partecipanti alla fiera, sia a livello individuale con incontri B2B (business to business), che con visite di campo.

Tra i risultati tecnici, gli ambiti che in particolare hanno suscitato l’interesse sono due.
C’è un cambio di paradigma nella gestione dell’acqua e dei sistemi di irrigazione: le nuove proposte utilizzano i sensori per analizzare la sofferenza della pianta e determinare il fabbisogno (idrico e non solo). Diventa perciò obsoleto il sistema di irrigazione focalizzato al “semplice” risparmio idrico (i sistemi a goccia e simili).
In secondo luogo, è evidente quanto la robotica stia entrando in campo (e in serra) con i robot e i droni che affiancano il lavoro dell’agricoltore. Bracci meccanici e droni hanno oramai la sensibilità per valutare la maturazione delle frutta, stimare la pezzatura e provvedere alla raccolta a costi comparabili con quelli della raccolta tradizionale.


5 casi sotto osservazione

Nella raccolta dei fruttiferi (mele) sono state registrate le innovazioni più interessanti. I droni sono oramai in grado di valutare lo stato di maturazione del frutto (partendo dall’indice di invaiatura della buccia) e le sue dimensioni, decidendo di procedere con il distacco o eventuale posticipo.
Assenza di manodopera, capacità di lavoro H24, precisione nella raccolta sono i punti di forza di una tecnologia che però è ancora in fase di messa a punto.
Le potenziali ricadute:

  1. migliore stima delle produzioni e previsione dei prezzi (non solo per l’agricoltore ma anche per la GDO/altri)
  2. capacità di stima di danni (grandine, per esempio)
  3. impatto sulle politiche sociali: immigrazione stagionale che si riduce, sistema dei voucher diventa obsoleto, …
  4. riduzione degli impatti ambientali: con fotovoltaico di giorno si ricaricano i droni, che raccolgono a impatto zero CO2 di notte. In uno scenario così si potrebbero anche utilizzare i frutteti per fini anche ricreativi (cfr. Alto Adige)

Robot raccoglitore per serra

Con la messa in opera al colletto delle piante (olivo, vite, agriumi, avocado) di appositi “vassoi” di collettamento dell’acqua con benefici sulla riduzione della competizione da infestanti e sulla chimica del suolo (sottostante il dispositivo) che consentono di incrementarne l’accrescimento e le rese.
Le potenziali ricadute:

  1. garanzia di produzione, economia locale, impatto sociale positivo, indotto in zone a bassa piovosità (potrebbe essere Sicilia che in alcune zone sta procedendo verso la desertificazione)
  2. produzioni a minore impatto: non solo nel consumo di acqua ma anche di diserbi, lavorazione terreno, utilizzo fertilizzanti, emissioni varie

Anche l’irrigazione per condensazione, che sfrutta il principio fisico della condensazione per differenziale termico, è molto interessante: un impianto fotovoltaico consente di avere l’energia per raffreddare dell’acqua che, di notte con l’umidità al massimo, viene fatta circolare in tubazioni di modesto diametro appoggiate sul terreno vicino alle piante; per il principio di condensazione, all’esterno della tubazione si forma acqua che cade in prossimità delle piante con enormi risparmi idrici.
Le potenziali ricadute:

  1. irrigazione senza pozzi, senza condotte primarie (i cui rischi normalmente sono rotture e perdite che prevedono sostituzioni e/o riparazioni puntuali) in zone a bassa piovosità ma ricche di sole si irriga, sia in pianura che collina
  2. presidio il territorio: si potrebbe coltivare in zone considerate “marginali”

Sensori sulla vite

Corposa la mostra di sensoristica (circonferenza del fusto, accrescimento del grappolo, potenziale idrico fogliare, tensiometri) a costituire sistemi di supporto alla decisione di irrigare (IOT internet of things). Non si parte più solo dal contenuto di acqua nel terreno, ma si valutano le condizioni di stress della singola pianta (vite, melo, pomodoro, ecc.).
Le potenziali ricadute:

  1. riduzione di costi
  2. miglioramento delle rese
  3. minore impatto sulle risorse primarie a partire dall’acqua

Interessanti sono i sistemi di regolazione della temperatura dello strato di terreno che ospita la maggior parte dell’apparato radicale, sia di colture arboree che erbacee.
Con l’utilizzo della geotermia superficiale (a massimo 10 m dal piano campagna) si può ridurre l’eccesso termico estivo e innalzare i minimi invernali consentendo alla pianta di vegetare meglio e più a lungo e dunque incrementando le rese produttive.
Le potenziali ricadute:

  1. riduzione impatti per la serricoltura: minori costi termoregolazione, minori impatti ambientali: si pensi ai certificati bianchi collegati alla produzione di calore da biomasse per cui è prevista la loro bruciatura con produzione di CO2-polveri sottili, ecc.
  2. anticipo della raccolta che può garantire prezzi maggiormente remunerativi sul mercato
  3. prolungamento ciclo vegetativo, senza forzature ma tenendo radici in condizioni migliori (es. ai tropici ficus straordinari…)


L’incontro con le imprese

Il 26 giugno si sono svolti gli incontri gli incontri B2B, tra le start-up e le imprese innovative israeliane e le delegazioni provenienti da oltre 25 paesi del mondo.
Gli 11 componenti della delegazione hanno potuto incontrare diverse imprese che si sono cimentate in incontri con i consulenti e le imprese agricole di diversi Stati.

L’incontro con le start – up

Abbiamo interagito con 15 start-up innovative israeliane che hanno mostrato come sensori, micorrize droni, satelliti e informatica possano aumentare la produzione e ridurre il consumo di acqua e prodotti (fertilizzanti e pesticidi) in agricoltura.” – Carmela Pecora, consigliere CONAF

Quel giorno erano presenti oltre 600 persone tra domanda e offerta di innovazione. La giornata si è quindi sviluppata a ritmi serrati, con la modalità del world cafè, tecnica partecipativa di forte impatto mediatico e grande efficacia organizzativa, che ha visto in poche ore, grazie a un’innovativa piattaforma telematica messa a disposizione dai ministeri israeliani, nascere ed instaurare rapporti di collaborazione tra imprese israeliane e agronomi italiani.

Dalla teoria alla pratica, – dice il coordinatore della missione AgrIsrael 4.0 Carmela Pecora, Consigliere nazionale e referente del dipartimento Trasferimento dell’Innovazione e Ricerca Professionale, atteso che proprio 10 giorni prima si collaudava con il Ministero dell’Agricoltura italiano e con il CREA, il progetto pilota sulla metodologia di lavoro e consulenza aziendale, e nello specifico, proprio l’11 giugno si collaudava il modulo sulle tecniche partecipative e sul lavoro multi-attore – non poteva esistere miglior collaudo se non quello di sperimentare nell’immediato quanto appena progettato, con la reale concreta ricaduta sui dottori agronomi e dottori forestali italiani, che hanno potuto realmente valutare come rapportarsi con diversi stakeholder e con risultati concreti per la professione e il trasferimento dell’innovazione.”

Il prossimo passo? Essere i portatori concreti delle tecnologie e prodotti innovativi, all’interno dei progetti di sviluppo aziendali in Italia, ma anche essere consulenti innovativi al di fuori della nostra nazione, con il sapiente apporto culturale dell’agronomo italiano, delle sue capacità organizzative e standard formativi di alto profilo, in grado di creare progetti innovativi.
Per far fronte alle sfide che attendono agricoltori, silvicoltori, industrie alimentari e bioindustria occorrono nuove conoscenze da applicare sul campo in grado di garantire l’uso sostenibile delle risorse e la qualità dei servizi ecosistemici ed al contempo sopperire alle problematiche prioritarie del settore agroalimentare e forestale.
In tal senso, la competitività professionale è la chiave di volta dell’innovazione in un contesto economico sempre più complesso che deve contribuire alla sicurezza alimentare e mettere la popolazione rurale in grado di sviluppare e diversificare la propria economia. Tutto questo deve avvenire nell’ottica dello sviluppo sostenibile tramite la ricerca e l’innovazione che dovranno diventare usuale prassi operativa nella professione del Dottore Agronomo e del Dottore Forestale, e la realizzazione di questi obiettivi richiede la creazione, la condivisione e l’applicazione di nuove conoscenze, nuove tecnologie, nuovi prodotti e nuovi modi di organizzare, apprendere e cooperare.

La dott.ssa Michael Levy, dirigente per il trasferimento dell’innovazione del Ministero Agricoltura Israeliano

Ed è su questo tema, che la delegazione dell’Ordine ha voluto incontrare la dott.ssa Michael Levy, dirigente per il trasferimento dell’innovazione del Ministero Agricoltura Israeliano, alla quale sono state prospettate una serie di interessanti iniziative con gli agronomi italiani, tra cui futuri progetti di cooperazione internazionale, ma anche di scambi di buone pratiche tra agronomi dei 2 Paesi, e infine ma non per questo meno importante, l’invito al Congresso nazionale della categoria a Matera a novembre 2019.


L’agricoltura tra tra mondo della ricerca e Università

kibbutz NaanDanJain

L’ultimo giorno, la delegazione ha incontrato i referenti della Faculty of Agricolture, Food and Environment a Rehovot. Successivamente c’è stata la visita al kibbutz NaanDanJain, leader nelle tecnologie irrigue ad alta efficienza e infine ha conosciuto le esperienze del Volcani Center – ARO, con la presentazione di tutti i centri e le attività di ricerca dell’istituto.

La Faculty of Agricolture è l’unico istituto di istruzione superiore in Israele che offre lauree universitarie in agricoltura. Ospita anche le uniche scuole di Scienze della Nutrizione e di Medicina Veterinaria.
I laureati sono attivi nelle comunità agricole – kibbutzim, moshavim o aziende private – usando il loro know-how per competere nei mercati mondiali; essi comprendono anche una grande parte del personale presso l’Organizzazione di ricerca agricola e il Ministero dell’Agricoltura ma anche all’interno del Ministero dell’Ambiente.

Al Volcani center-ARO, oltre 700 tra ricercatori e dottori di ricerca sono impegnati in 6 istituti satelliti che si occupano di scienze delle piante, scienze animali, protezione delle piante, suolo, scienze ambientali e idriche, ingegneria agraria e scienze post-raccolta e alimentari.
ARO gestisce anche la banca genetica israeliana per le colture agricole e quattro stazioni di ricerca, in varie parti del paese, inoltre svolge pure il compito di centro di test per prodotti agricoli e attrezzature.

Gli scatti coi momenti salienti della 4 giorni in Israele

 

 

Sintesi del primo giorno

Sintesi del secondo giorno

Sintesi del terzo giorno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *